Biblioteca Malatestiana

Poesia dai manoscritti

Da una collaborazione tra Biblioteca Malatestiana, Comune di Cesena ed Emilia Romagna Teatro Fondazione nasce Poesia dai manoscritti: i testi poetici degli autori classici contenuti nei codici malatestiani vengono letti e attualizzati in combinazione con la descrizione dei manoscritti che li tramandano.

A cura di Giliola Barbero - Direttrice scientifica della Biblioteca Malatestiana e Stefano Grazzini - Università di Salerno
letture a cura di Michele Di Giacomo - Compagnia permanente di ERT Fondazione
riprese e montaggio video Francesca Cappi e Stefano Triggiani

Guarda i quattro episodi di Poesia dai manoscritti:

Le ODI di Orazio

Viene illustrato il manoscritto S.XV.2 del secolo XI e lette alcune delle Odi del poeta latino insieme alle traduzioni e alle reinterpretazioni di Valéry Larbaud, Giovanni Pascoli, Edoardo Sanguineti e Franco Fortini.


Le SATIRE di Giovenale

Viene presentato il manoscritto S.XII.2. del Commento a Giovenale di Ognibene Bonisoli trascritto da Jean De Pinal. In combinazione vengono letti brani della terza Satira e Les embarras de Paris di Nicolas Boileau


"Da tanta oscurità, luce sì chiara"

Lucrezio DE RERUM NATURA

L’Inno a Venere, l’Empia religio, l’Inno a Epicuro e La natura matrigna sono alcuni frammenti del poema portati in voce da Michele Di Giacomo e Diana Manea (attori della Compagnia permanente di ERT Fondazione), mentre alcuni versi di Giacomo Leopardi compongono, insieme a quelli del poeta latino, un omaggio alla natura.

per la traduzione dei testi si ringraziano il professor Stefano Grazzini e i partecipanti al “Laboratorio TraLet” del Dipartimento di Studi Umanistici – Università degli Studi di Salerno: Antonia Angiuoni, Angela Barretta, Annachiara Laterza, Danila Trapanese.
con un omaggio a Giacomo Leopardi


Didone "che s'ancise amorosa" nell'Eneide di Virgilio

traduzione a cura di Alessandro Fo, Giulio Einaudi Editore 2012 (Nuova Universale Einaudi, nuova serie, 8) si ringrazia l’autore per la concessione